La collezione delle icone Museo Attilio e Cleofe Gaffoglio Libreria della Spada Libri esauriti antichi e moderni Libri rari e di pregio da tutto il mondo

La collezione delle icone Museo Attilio e Cleofe Gaffoglio

La collezione delle icone Museo Attilio e Cleofe Gaffoglio
copie disponibili 1
clicca per ingrandire
  
Skira Milano
2008 64
17x24 (cm) ill. a colori e b/n n.t. - colors and b/w ills
bross. ill. a colori - paperback Nuovo - New
Italiano - Italian text   500 (gr)
8861305903 9788861305908
22.50 € 50%
11.25 €
 

Aggiungi al carrello

(Skira Artistic Guidebooks).

Il Civico Museo Attilio e Cleofe Gaffoglio raccoglie preziose collezioni di oreficeria, avori, porcellane, sculture e dipinti, databili dal XIV al XX secolo, che Attilio Gaffoglio ha collezionato e raccolto nella sua casa nell'arco degli ultimi quarant'anni. Egli nasce a Genova e dopo gli studi si trasferisce a Torino dove intraprende la sua attività imprenditoriale e lì rimane sino al 1983, anno in cui abita a Rapallo. Attilio Gaffoglio è un un curioso, intelligente signore che ama l'arte e con la moglie Cleofe approfondisce le sue conoscenze, segue il mercato dell'arte ed acquista opere ed oggetti d'arte: le porcellane prima, quindi gli argenti, gli avori, i dipinti e le sculture e, infine, la preziosa oreficeria. La sua casa diventa ben presto una sorta di casa museo; egli dispone, infatti, le opere e gli oggetti d'arte per materiale e tipologia e, per sua stessa ammissione, pensa debbano essere esposti al pubblico e a disposizione di tutti. Con questi intendimenti egli diventa un collezionista in senso moderno. La collezione include oltre 700 oggetti e opere d'arte antica: tra porcellane e maioliche, argenti, avori ed un nucleo di dipinti e sculture trovano spazio le 18 icone protagoniste di questo volume.

“La pubblicazione di volumi come questo rende in certa misura immortale il collezionista e sicuramente riconosce il merito alla nostra comunità di aver accolto le testimonianze del passato tramandandole e facendole conoscere alle generazioni future. Nulla, infatti, può con maggior osservanza e coerenza rappresentare il nostro passato dell’icona, immagine per sua stessa definizione, di tutto ciò che è divino, Dio, la Madre di Dio, i santi. Queste immagini spesso immutate attraverso i secoli, oggetto di venerazione assoluta, realizzate da anonimi artisti – uomini probi la mano dei quali era lo strumento terreno di Dio – sono giunte fino a noi per ricordarci l’osservanza genuina e solenne del primo Cristianesimo e noi con attenzione e rispetto cercheremo di conservarle.
dalla presentazione di Mentore Campodonico, Sindaco di Rapallo. (T-CA)
 
 

Potrebbero interessarti anche...

 

 
 
L.d.S. - Libreria della Spada Online di Bazzani Gabriele
Sede Operativa: Via Augusto Barazzuoli 6 R - 50136 - Firenze - Italia | Tel. (+39) 055 9752994 - Cell. (+39) 320 7019705
Sede Legale: Via Adriano Mari, 5 - 50136 - Firenze - Italia
P.Iva 06192950480 | C.F. BZZ GRL 69M13 D612R | CCIAA FI 608172 | info@libreriadellaspada.com
28 online | © 2021 | powered by dotflorence.com