Il Castello di Torregalli Storia e restauro di un complesso fortificato del “contado fiorentino” Libreria della Spada Libri esauriti antichi e moderni Libri rari e di pregio

Il Castello di Torregalli Storia e restauro di un complesso fortificato del “contado fiorentino”

Il Castello di Torregalli Storia e restauro di un complesso fortificato del “contado fiorentino”
copie disponibili 2
clicca per ingrandire
  
Polistampa Firenze
2007 152
24x31 (cm) num. ill. e tavv. a colori e b/n. n.t. - colros and b/w ills
cart. edit. con sovracc. ill. colori - Hardcover with dustjacket Nuovo - New
Italiano - Italian text   1700 (gr)
8859603099 9788859603092
34.00 € 45%
18.70 €
 

Aggiungi al carrello

Presentazione di Stefano Caramelli.

Testi di Francesco Gurrieri, Maurizio De Vita, Mirella Branca, Fulvia Zeuli, Giulia Cellie, Piero Caliterna, Federico Gurrieri, Maurizio Seracini, Stefano Capretti, Furio Lombardini.
 
Il volume contiene importanti testimonianze dell’elaborazione e dell’avanzamento del progetto di restauro del Castello di Torregalli, a partire dalla conoscenza del manufatto, della sua storia, delle sue fasi costruttive, proseguendo poi con l’analisi della consistenza e delle condizioni di degrado e anche con alcune importanti soluzioni maturate durante i lavori.
Il castello è situato in quella porzione di contado a sud-ovest della città di Firenze inclusa tra l’Arno e la Greve, tra Scandicci e le colline di Marignolle. All’evidenza di un primo nucleo medioevale, principalmente affidato a una torre isolata, si affiancano notizie e documenti che, a partire dal 1427, raccontano della presenza nel Castello della famiglia de’ Nerli, una fra le più importanti e potenti in Firenze, committente in circa due secoli di importanti lavori che portarono alla trasformazione di un più antico “palagio” in villa-castello rinascimentale. Dal 1623 il complesso fu dei Conti Matteo e Lorenzo d’Agnolo Galli di Prato e conobbe importanti ampliamenti e abbellimenti sia nella conformazione che nei decori. Nel terzo decennio del Seicento Baccio del Bianco affresca le pareti di un grande salone al piano terra, realizzando otto magnifici cartigli ispirati al Pastor fido del Guarini e altri splendidi decori. Pochi decenni dopo prende forma il bellissimo giardino all’italiana “a tre ninfei”.
I recenti restauri hanno portato un complesso in stato di abbandono a essere nuovamente luogo vitale, frequentato e abitato, con il massimo rispetto per i suoi caratteri architettonici e spaziali storicamente sedimentati, in accordo con la riconoscibilità delle sue parti, con la presenza e la disposizione dei suoi apparati decorativi, della sua materia, dei suoi elementi, dei rapporti di prospetto così come erano pervenuti.
Il Castello di Torregalli, le sue corti, il suo giardino monumentale, il “salotto di Baccio”, i suoi spazi aperti e il suo racconto narrato con la materia e la cultura della storia sono nuovamente parte vitale dell’identità di questo lembo del territorio fiorentino. (T-CA)
 
 

Potrebbero interessarti anche...

 

<h0><span>4 novembre 1966 </span>Diluvio su Firenze <span><em>Quarant'anni dopo</em></span></h0>
12.90 € -20%
10.32 €
Treasures of Florence
41.32 € -30%
28.92 €
Filippo et Filippino Lippi <span>La Renaissance à Prato</span>
34.00 € -15%
28.90 €
Antiche Terre di Prato <span>Una nuova Provincia</span>
61.97 € -65%
21.69 €
 
 
L.d.S. - Libreria della Spada Online di Bazzani Gabriele
Sede Operativa: Via Augusto Barazzuoli 6 R - 50136 - Firenze - Italia | Tel. (+39) 055 9752994 - Cell. (+39) 320 7019705
Sede Legale: Via Adriano Mari, 5 - 50136 - Firenze - Italia
P.Iva 06192950480 | C.F. BZZ GRL 69M13 D612R | CCIAA FI 608172 | info@libreriadellaspada.com
38 online | © 2019 | powered by dotflorence.com