Fascismo controrivoluzione imperfetta movimento al servizio del capitale o primo esperimento di compromesso storico Libreria della Spada Libri esauriti antichi e moderni Libri rari

Fascismo controrivoluzione imperfetta movimento al servizio del capitale o primo esperimento di compromesso storico?

Fascismo controrivoluzione imperfetta movimento al servizio del capitale o primo esperimento di compromesso storico?
clicca per ingrandire
  
Sansoni Editore Firenze
1978 358
15x23 (cm) non illustrato - not illustrated
bross. ill. - paperback Usato ottime condizioni - used very good
Italiano - Italian text   800 (gr)
N/D - N/A N/D - N/A
 

momentaneamente non disponibile

Prima edizione 1978.

Oggi, il fallimento del collettivismo e la necessità di ripensare il socialismo ab imis sono verità riconosciute dagli stessi partiti che al socialismo si ri-chiamano. Perdura tuttavia il rifiuto di riconoscere nell'esperienza del fascismo italiano un fenomeno che scaturisce da questo fallimento - e che rientra perciò a pieno titolo nella storia delle metamorfosi a cui è andata e andrà ancora incontro l'idea socialista - anche se le origini social-rivolu- zionarie di Mussolini e di buona parte del fascismo intransigente sono note. Togliatti ha definito con molta acutezza il fascismo un « regime reazionario di massa», dove è evidente che la qualificazione ' di massa " toglie all'aggettivo il suo significato tradizionale. Dire che il fascismo è « reazionario di massa». equivale in un certo senso a dire che è « reazionario di sinistra »; il fascismo appartiene insomma, se il giudizio di Togliatti ha un senso, a quella stessa tradizione democratico-totalitaria di cui il comunismo intende rappresentare la perfezione e il culmine.
Quale allora la collocazione reciproca di fascismo e comunismo, sia nella storia d'Italia che in generale? L'analisi comparata degli sviluppi ideologici di Mussolini, Lenin e Gramsci e della principale letteratura critica sul fascismo e sul comunismo dimostra la sostanziale validità del giudizio icastico formulato da Victor Smirnov: « Il comunismo è un fascismo estremista, il fascismo è un comunismo moderato». Questa verità è stata intuita più spesso proprio da politici e studiosi marxisti, anche se, per ovvi motivi, la storiografia comunista ha sempre cercato di soffocarla.
In seguito al diffondersi della consapevolezza di ciò che è stato lo stalinismo e di cosa sarebbe stato un regime collettivista in Italia, la situazione è diventata addirittura paradossale. Mettere in luce come il fascismo in realtà sia stato una variante del comunismo, significherebbe nel confronto far risaltare come la variante, proprio per il compromesso a cui scese con le istituzioni e con il capitalismo, sia stata assai meno perniciosa del comunismo. Giungere insomma alla conclusione che il fascismo è meno 'reazionario di sinistra' (o ' di massa") di quanto non sia la sua matrice originaria, il co-munismo. Non a caso, infatti, molti sono i fascisti ' di sinistra ' confluiti dopo la guerra nel Pci, mossi dalla convinzione, rivelatasi anch'essa illusoria, che questo partito volesse e sapesse portare a fondo la sovversione del capitalismo liberale, dal regime invece lasciata a mezzo, per sopraggiunto 'imborghesimento' dei suoi quadri dirigenti.

Domenico Settembrini


Note alle condizioni del volume

Usato ottime condizioni, lievissimi segni del tempo. (T-CA)

 
 

Potrebbero interessarti anche...

 

 
 
L.d.S. - Libreria della Spada Online di Bazzani Gabriele
Sede Operativa: Via Augusto Barazzuoli 6 R - 50136 - Firenze - Italia | Tel. (+39) 055 9752994 - Cell. (+39) 320 7019705
Sede Legale: Via Adriano Mari, 5 - 50136 - Firenze - Italia
P.Iva 06192950480 | C.F. BZZ GRL 69M13 D612R | CCIAA FI 608172 | info@libreriadellaspada.com
22 online | © 2024 | powered by dotflorence.com